Progetto: “Sintesi 2020″ Nuove Economie per uno sviluppo sostenibile post pandemia Covid19

Posted on Posted in Eventi

 

SINTESI 2020: NUOVE ECONOMIE PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE POST PANDEMIA COVID-19

Il Club per l’UNESCO di Cuneo ha da sempre avuto come interlocutori privilegiati i giovani in età scolare cui proporre approfondimenti e riflessioni su argomenti di cultura varia finalizzata alla loro formazione di futuri cittadini

Con questa finalità il Club ha aderito ad un gruppo di lavoro attivo nel Programma della Federazione Italiana dei Club e  Centri per l’Unesco nell’ambito della Agenda 2030 dell’ONU.

Il Gruppo di lavoro composto dai Club per l’Unesco di Cuneo, Molfetta, Foligno e Terre Maceratesi, Terre del Boca e Verona ha affrontato il tema dello Sviluppo Sostenibile declinato negli aspetti dell’Economia Circolare – Finanza Sostenibile – Bilancio Sociale.

La nostra partecipazione al Progetto nasce dalla considerazione della scomparsa, in area alpina, di molti insediamenti umani, le cui attività rurali e artigiane erano in grado di dare vita ad una economia montana capace di sostenere economicamente tali popolazioni, senza contare il ruolo da esse svolto nel presidio del territorio di cui oggi soffriamo ampiamente l’assenza.

L’esperienza della pandemia che stiamo subendo ed i cui effetti ci accompagneranno per molto tempo  ci hanno imposto  delle riflessioni sui modelli di sviluppo economico  e sociale finora seguiti.

E’ quindi importante in questo momento di riflessione evidenziare iniziative e attività in atto su questi territori. Grazie al connubio tra l’imprenditoria ancora esistente sul territorio e la politica locale, queste iniziative possono essere il lievito per favorire la rinascita di attività radicate sul territorio, sviluppare filiere locali e generare una economia in grado di garantire livelli di vita economicamente e socialmente soddisfacenti nonché di stimolare esperienze con finalità analoghe.

Sintesi 2020 Evento  9_7_2020 - Sostenibilità e attività produttive- (1)

 


 

L’esperienza del Comune di Macra presentata dal Club per l’UNESCO di Cuneo nel Progetto “Sintesi 2020” promosso dal Programma FICLU in Azione

Nel partecipare al Progetto “Sintesi 2020: nuove economie per uno sviluppo sostenibile post pandemia Covid 19” il Club per l’UNESCO di Cuneo ha voluto porre in evidenza come l’esperienza del Comune di Macra nella Valle Maira delle Alpi cuneesi possa essere considerata un valido esempio dei risultati ottenibili dall’applicazione di strategie proprie dello Sviluppo Sostenibile in senso lato. Tale esperienza rappresenta un concreto tentativo di vincere la fragilità economica, sociale ed ambientale dei territori montani; fragilità innescata dallo spopolamento di queste aree nel secolo scorso con conseguente marginalizzazione delle comunità rimaste sul territorio.

I risultati di questo sforzo collettivo sono un associazionismo fondiario che ha permesso l’accorpamento, il recupero e la gestione di più di 500 ettari grazie al quale è stato possibile individuare i successivi obiettivi del ripristino di pascoli abbandonati nel tempo, della pulitura dei boschi, di terreni e terrazzamenti per la reintroduzione di coltivazione cerealicole e vitivinicole con antiche varietà locali e la creazione dei presupposti per uno sviluppo economico  del territorio cui partecipa anche un turismo non invasivo della cultura e dell’ambiente locale.

I positivi risultati ottenuti sono la sintesi di un significativo sforzo collettivo cui hanno partecipato l’Amministrazione Comunale ed i residenti della comunità locale. Ciò a conferma della necessità che entrambe le componenti operino in sintonia e abbiano un ruolo attivo come risultato di un impegno personale che sia di stimolo per le istituzioni.

L’opera di analisi delle problematiche, la costituzione ed il coordinamento di gruppi di lavoro sul territorio va poi considerata di fondamentale importanza per la sensibilizzazione e il coinvolgimento della popolazione nella fase di programmazione e realizzazione degli interventi.

Le diverse esperienze presentate nel corso del Progetto interclub hanno inoltre evidenziato come le ideologie economiche e sociali alla base dello sviluppo economico “occidentale” siano forti, diffuse ed organizzate. Di conseguenza l’impegno a promuovere e realizzare la transizione verso un modello di sviluppo economico e sociale più equo e rispettoso delle risorse ambientali richieda un grande impegno di sensibilizzazione della società e di sostegno delle ottime esperienze che con grande difficoltà si stanno realizzando in molte ambienti del nostro paese.

I principali artefici dell’esperienza cuneese sono stati : il Sindaco di Macra Valerio Carsetti che, in sintonia con l’Unione Montana di valle, oltre alla propria funzione istituzionale è stato l’anima propositiva dell’iniziativa, l’agrotecnico Stefania Binello che alla propria attività di apicoltrice in valle  ha affiancato l’impegno a gestire e coordinare i gruppi di lavoro con la comunità dei residenti e l’imprenditore Gigi Garro che ha avviato il recupero di una borgata ormai abbandonata trasformandola in un albergo diffuso dotato del confort necessario ma attento a conservare la bellezza delle antiche costruzioni di pietra in piena sintonia con l’ambiente circostante.


Sintesi 2020 Tavola rotonda 5_10_2020