STATISTICHE DEL SITO

Visite agli articoli
230351

Login Form

L’Airon a vòla pì àut

 

La stra a rampiava për strèit turnichè

tra pra già fiorì e bes-ce e marghè,

tra nìvole d’poer che 'l vent a bogiava,

e smiavo 'd fiòca che tut a cuatava.

La gent lì d'antorn a crjava e bràjava,

a batìa le man, ij pugn sopatava:

“ Fòrsa campion, possa pì fòrt

daje a-i pedaj, mòla nen ora”

Piegà anans, ёl grimpeur a sudava,

a sofiava fòra e a ampinìa ij polmon,

le roe a viravo e la bici a corìa,

tra pere s-ciapà e stra da camoss.

Drissà an sla sela, cavajer an sёl caval,

nas coma un bech, afilà e pontù,

lama 'd cotel ch’a taja l’aria

e a nufìa angord l’odor 'd la vitòria.

Grandёssa 'd n’òm, màire e frisin

nassù mandrògn tra mila sagrin,

a smija n’osel ch’a vòla leger,

ch’a sbèrfia je sfòrss e a va coma un tren.

Partensa da Coni, scalada 'd sinch còj,

Madle-na ёl prim, a peul esse ёl pì doss,

e peūi ij fransèis, pì dur da rampié,

Vars, Izoard e Montgenevre per saluté.

Arvёdse a la Fransa, as torna n’Italia

as cala a Cesan-a e as monta su al Còl,

an punta doi tòr e dòp giù, a rota 'd còl,

fin-a al traguard 'd n’eleganta Pinareul.

A l’era 'n dì 'd giugn dёl secol passà,

la part dissèt d’un Gir legendari,

l’Italia a s’arpiava dai guast 'd la guèra

e ansima a coj brich l’Airon a volava.

Da tute le radio 'na vos familiar:

“Un uomo solo è al comando,

la sua maglia è biancoceleste,

il suo nome è Fausto Coppi.”

 

2013-11-15 fausto-coppi 

 

La strada arrampicava in stretti tornanti tra prati fioriti, bestie e margari, tra nuvole di polvere che il vento muoveva e parevano neve che tutto copriva.
La gente lì intorno gridava e urlava, batteva le mani, i pugni agitava: “Forza campione, spingi più forte, dagli sui pedali e non mollare ora.”
Piegato avanti lo scalatore sudava, soffiava di fuori e riempiva i polmoni, le ruote giravano e la bici correva, tra pietre rotte e strade da camoscio.(1)
Rialzato sulla sella, cavaliere sul cavallo, naso come un becco, affilato e appuntito, lama di coltello che taglia l’aria, che annusa ingordo l’ odor della vittoria.
Grandezza d’un uomo, magro e gracilino, nato mandrogno (2) tra mille tribolazioni, sembra un uccello che vola leggero, che irride gli sforzi e va come un treno.
Partenza da Cuneo, scalata di cinque colli, Maddalena il primo, può essere il più dolce, e poi i francesi, più duri da scalare, Vars, Izoard e Monginevro per salutare.
Arrivederci alla Francia, si torna in Italia, si scende a Cesana e si risale al Colle,(3) in punta due torri e poi giù, a rotta di collo, sino al traguardo nell’elegante Pinerolo.
Era un giorno di giugno, del secolo passato, la tappa diciassette d’un Giro leggendario, l’Italia si riprendeva dai guasti della guerra, e in cima a quelle vette l’Airone volava.
Da tutte le radio una voce familiare: “ Un uomo solo è al comando, la sua maglia è biancoceleste, il suo nome è Fausto Coppi.”

(1) Stra da camoss: anticamente strada dissestata.
(2) Mandrogno: alessandrino.
(3) Colle: i torinesi definiscono “Colle” il col del Sestriere.



Aggiungi commento