STATISTICHE DEL SITO

Visite agli articoli
230351

Login Form

Ël Grand Turin

 

Nebia ch’a cuata con n’ùmid faodal
e a stërma ant ёl gris colin-a e sità,
a intra ant j'òss e a bagna ij cavej,
a smija 'na cuerta ёd sùcher filà.

Aranda al gran fium ch’a taja Turin
a-i son ondes fieuj ch’a gieugo al balon,
ch’a crìjo con fòrsa ij nòm ёd sòj campion,
e a smìjo ‘dcô lor ёd somà ёd Valentin.

 

Na maja granata tacà a la pel,
ij numer scusì ch'a pendo daré,
“ mi j son Gabetto a braja ёl pì cit
e mi j son Baciga, ёd tuti ’l pì bel.”

 

Davsin ai son j’àutri con l’eūi farinel
ch’a ciamo la bala e a fan ёd rabel,
Maroso e Loik , ёl frel Ballarin,
a coro ant el pra sugnand ёl Turin.

 

Ossola, Riga e Menti Romeo,
con Grezar e Lòik ai fan marameo
ai sò aversari, j’amis ёd la scòla,
ch’a cheujo ant la pòrta na grija ёd Mazzòla.

 

“ Adess vaire ch’a fan? ”a rij Castijan,
a s’avsina al portié per pijesse ël balon
ma un tron improvis a riva dal cel
e a squarsa ёl silensi na gran esplosion.

 

Ij bòcia as guardo e a smìjo stranì,
a nufio an sla pel l’odor del brusà,
a sento ёl chēūr ch’a bat coma un mat,
aj manca ёl fià e a strenz ij polmon.

 

Ansima al bel còl l’é finìe ël grand seugn,
na bela speransa per tut ël Pais,
disdeut giugador ch’a j’ero d’eròi,
cha l'avjo ant le ven-e ёl color del sangh fòrt.

 

A l’era ël quatr ёd magg ёd tanti agn fa,
l’Italia a piorava, Turin disperava, la gent a crijava:
“ a sagno ij cheur nòstri, a son mortie ij Campion
ch’a j’ero ij pì fòrt, ch'a j’ero ёd leon.”

 

Arvëdse, bei fiēūj, vagnè ёdcò la dzora.

   2013-11-15 grande torino 1948-49 6

 
 

Nebbia che avvolge con un umido grembiule e nasconde nel grigio collina e città, entra nelle ossa e bagna i capelli,sembra una coperta di zucchero filato.
Vicino al grande fiume che taglia Torino ci sono undici ragazzi che giocano a pallone, che gridano con forza i nomi dei loro campioni, e sembrano anche loro compagni di Valentino.
Una maglia granata attaccata alla pelle, i numeri scuciti che pendono dietro, “ io sono Gabetto urla il più piccolo e io Bacigalupo, di tutti il più bello.”
Vicino ci sono gli altri con l’occhio birichino che chiedono la palla e fanno baccano, Maroso e Loik , il fratello Ballarin, corrono nel prato sognando il Torino.
Ossola, Rigamonti e Menti Romeo, con Grezar e Lòik fanno marameo ai loro avversari, gli amici di scuola, che raccolgono nella porta un gol di Mazzola.
“ Adesso quanti sono? ”ride Castigliano, s’ avvicina al portiere per prendersi il pallone ma un tuono improvviso arriva dal cielo e squarcia il silenzio una grande esplosione.
I ragazzini si guardano e sembrano stupiti,annusano sulla pelle l’odore del bruciato, sentono il cuore che batte come un matto, gli manca il fiato e si stringono i polmoni. In cima al bel colle è finito il gran sogno, una bella speranza per tutto il Paese, diciotto giocatori che erano eroi, che avevano nelle vene il colore del sangue forte.
Era il quattro maggio di tanti anni fa, l’Italia piangeva, Torino disperava, la gente gridava: “sanguinano i nostri cuori,sono morti i Campioni che erano i più forti, che erano leoni.”
Arrivederci bei giovani, vincete anche lassù.

 

Aggiungi commento