STATISTICHE DEL SITO

Visite agli articoli
236995

Login Form

GRANDARTE CUNEO 2013

Il contributo del Club Unesco di Cuneo

 

inaugurazione 01

 

E' stato notevole il successo della iniziativa Grandarte 2013 realizzata in Cuneo, con inaugurazione nella chiesa di San Francesco, il 25 ottobre scorso.

 

    inaugurazione 02inaugurazione 03

 

 

 

 

 

 

 

Eccezionale la folla dei presenti alla presentazione della MOSTRA, ressa di visitatori nei giorni seguenti, curiosità intelligente e attenzione vivace per scegliere l'opera che essendo stata donata dagli artisti, e acquistata dai cuneesi, andrà a sostenere le generose iniziative della Cooperativa MOMO e la CASA del CUORE.

 

I Soci del Club Unesco di Cuneo, che hanno caldeggiato l'iniziativa fin dal suo inizio, condividendo la necessità di coniugare la cultura e il genio umano con le istanze della società moderna specie in fase di crisi e di diffusa povertà, sono stati molto grati ai due Soci del nostro Club che hanno contribuito al successo della Mostra Mercato facendo dono di alcune pregevoli loro realizzazioni artistiche.

 

inaugurazione 04

La prima ha offerto una bellissima incisione che rappresenta il "Tiglio del diavolo" un albero plurisecolare esistente a Macugnaga, caratterizzante la flora del territorio biellese, iscritto fra gli alberi più antichi d'Italia da salvaguardare.

Si tratta di incisione di raffinata delicatezza e di pregevole realizzazione tecnica.

 

 inaugurazione 06

 

 

 

La seconda, esperta nell'acquarello e nel disegno a pastello, ha lasciato in vendita un quadro intitolato "l'Annunziata", dai tenui colori e dalla fine interpretazione tematica.

  

inaugurazione 07

 

 

 

 

 

 

 

Ringraziamo le generose offerenti, sicuri che la collaborazione del Club Unesco con le altre associazioni culturali locali continuerà con successo.

 

inaugurazione 09

  inaugurazione 08

 

 

 

 

 

 

 

Ringraziamo inoltre le autorità intervenute e tutti coloro che hanno collaborato alla realizzazione e al successo della manifestazione.

Maria Boella Cerrato