STATISTICHE DEL SITO

Visite agli articoli
230011

Login Form


130801fante1

1914-2014

Primo centenario dell’inizio della Prima Guerra Mondiale

 

Nell’anno 2014 sarà celebrato l’anniversario centenario di un importante evento: l’inizio della prima guerra mondiale, La Grande Guerra (1914-1918), che coinvolse tutte le Potenze Europee, oltre agli Stati Uniti d’America e altre nazioni del mondo.

Guerra lunga e durissima, che sconvolse la geopolitica mondiale, che segnò la fine dei Grandi Imperi Centrali, dando vita a nuovi Stati dalle frontiere incerte e dalle rivendicazioni nazionalistiche esasperate.

Guerra che produsse milioni di morti, lutti e rovine, che fu definita “inutile strage”, cui partecipo l’Italia dal 1915 al 1918.

L’evento sarà oggetto d’importanti commemorazioni a livello nazionale e internazionale allo scopo di riflettere sulle cause e sugli effetti della prima guerra mondiale le cui conseguenze pesano tuttora sull’assetto politico mondiale.

Affinché le giovani generazioni, che ignorano questa pagina della nostra storia, ne prendano coscienza, il Club UNESCO di Cuneo si e fatto promotore di un PROGETTO che vede la collaborazione del Comune e della Provincia di Cuneo, delle Autorità Militari, dell’ANA e la partecipazione alle istituzioni scolastiche.

Saranno i DOCENTI di ogni ordine e grado che elaboreranno un serio lavoro di recupero storico e antropologico sullo svolgimento della prima guerra mondiale per quanto riguarda il nostro paese e che suggeriranno le forme più idonee alla sensibilità, all’età, al tipo di studi degli studenti per suscitare la loro riflessione e la loro comprensione.

Un’equipe di pedagogisti e di storici collaborerà al progetto e alla programmazione specifica. Il Club UNESCO e spinto a tale azione dal desiderio di sensibilizzare i giovani di oggi, i cui nonni e bisnonni furono richiamati alle armi per guerre assurde, lontane dal luogo nativo, di cui appena possono leggere i nomi incisi sul marmo delle lapidi. Non ci fu famiglia italiana che non abbia dovuto piangere un caduto in tale guerra, e quindi necessario che il loro sacrificio non vada perduto.

 

Maria BOELLA CERRATO

per visualizzare un contributo fotografico ... clicca

 

 

 

MONUMENTO AI CADUTI "Giardini Fresia di Cuneo"
(foto Silvano Bonello)

Aggiungi commento